Messa a fuoco

profondità-campo-messa-fuoco
Fotografia

Che cos’è la messa a fuoco? Che cos’è la profondità di campo? Come posso scattare dell foto professionali con lo sfondo sfuocato? Oggi proveremo a rispondere a questa ed altre domande sulla tecnica della messa fuoco.

Partiamo subito illustrando i concetti base:

Piano di messa a fuoco
E’ il piano parallelo al supporto sensibile (pellicola/ sensore) sul quale viene messo a fuoco l’obiettivo e sul quale tutti i punti risultano nitidi. In linea di principio tuttii punti al di là o al di qua del piano di messa a fuoco appaiono sfocati.

micio primo piano

Nell’esempio – diaframma F/3,2 – sono sfocate il primo piano e lo sfondo.

Profondità di Campo (PdC)
E’ lo “spessore fisico” del piano di messa a fuoco, cioè l’estensione della zona nitida dell’immagine.  Infatti solo in teoria è a fuoco un piano sottile, mentre nella pratica appaiono a fuoco anche dei punti al di là e al di qua della distanza di Messa a fuoco.

Lo “spessore” della zona nitida (cioà la profondità di campo):

– aumenta chiudendo il diaframma
– aumenta utilizzando focali più corte
– aumenta con l’aumentare della distanza di MaF

Nitidezza e circolo di confusione
La nitidezza di una porzione di immagine è un’illusione ottica: in teoria solo il piano di messa a fuoco è veramente nitido, ma l’occhio umano assimila punti “poco” sfocati a punti nitidi.
Il limite del “poco” sfocato è denominato “circolo di confusione”: più sono piccoli i cerchietti che l’obiettivo proietta sul sensore, maggiore sarà la nitidezza percepita dall’occhio.
Ecco perché i diaframmi chiusi, gli obiettivi grandangolari (che “rimpiccioliscono” gli oggetti) e l’aumentare della distanza di MaF (che – di nuovo – rimpicciolisce) danno immagini percepite come più nitide.

Potrebbe interessarti l’articolo di approfondimento sulla messa a fuoco manuale.

Distanza iperfocale
La PdC aumenta con la distanza di messa a fuoco: quindi mettendo a fuoco via via più lontano si ha una distanza tale per cui da lì in poi (fino all’infinito) tutto è nitido.
Tale distanza si chiama “iperfocale” e dipende solo dalla lunghezza focale e dall’apertura relativa (numero F del diaframma).
Poiché la profondità di campo si estende anche “al di qua” del piano di messa a fuoco, mettendo a fuoco alla distanda iperfocale appaiono nitidi anche i punti compresi fra la distanza e la sua metà (es.: se la distanza iperfocale è 10m e focheggio a 10m appariranno nitidi i soggetti compresi fra 5m e infinito)

Link
Volendo approfondire, a questi indirizzi si possono trovare le spiegazioni complete dei vari concetti, delle formule ed addirittura un calcolatore della profondità di campo per tutte le macchine / obiettivi in commercio.

Iperfocale
Circolo di confusione
Calcolatore PdC


(Mini)Tutorial interattivo sulla profondità di campo con foglio di calcolo e tabella

Chi avesse voglia di “farsi male” ovvero giocare con le formule e di sorbirsi qualche esempio può scaricare questo file Excel: minitutorial profondità di campo

In cui si trova:

– il Tutorial di come “giocare” coi vari parametri per decidere che cosa mettere a fuoco e che cosa lasciare fuori nel caso “semplice” di un soggetto in primo piano e di uno sfondo;

– il foglio Prontuario in cui, similmente al calcolatore di profondità di campo indicato prima, si possono inserire i parametri dell’obiettivo e della distanza del soggetto vicino per avere un’indicazione di quale diaframma o lunghezza focale usare per avere tutto a fuoco ;

– il foglio Grafico profondità di campo dove è possibile visualizzare graficamente l’andamento della PdC al variare di focale/ diaframma/ distanza di messa a fuoco (quest’ultimo è abbastanza da fanatici … ma può essere divertente!)

Attenzione: le formule vanno usate con criterio. 
Se usate un obiettivo da 50mm e volete mettere a fuoco da 1m a infinito il calcolo dice che dovreste diaframmare a f/58 … è ovvio che non si può, per cui significa che con un cinquantino non metterete MAI a fuoco da 1m all’infinito e non che la formula è sbagliata.


Tre esempi per una messa a fuoco eccellente

Per concludere l’articolo, tre foto di esempio, tutte e tre scattate con focale da 24mm, col soggetto “vicino” a 1 metro.

A fuoco solo il soggetto in primo piano 
– messa a fuoco sul soggetto, d=1m
– diaframma aperto al massimo f/3,8
– lo sfondo è sfocato

A fuoco solo lo sfondo 
– messa a fuoco sullo sfondo, d=infinito
– diaframma aperto al massimo f/3,8
– il soggetto “vicino” è sfocato

Infine, usando il Prontuario tutto a fuoco!
– messa a fuoco alla distanza doppia del soggetto, d=2m
– tale distanza deve essere l’iperfocale
– per avere l’iperfocale a 2m con un obiettivo da 24mm occorre diaframmare a 13,4

A questo punto non resta che augurarvi buona fotografia! Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Messa a fuoco manuale
Fotografia
Guida all’esecuzione della messa a fuoco manuale

Argomenti dell’articoloMacchine fotografiche moderne: la messa a fuoco manualeCaratteristiche della messa a fuoco manualeL’esecuzione della messa a fuoco manuale Macchine fotografiche moderne: la messa a fuoco manuale Un oggetto specialistico e ricco di funzioni come una macchina fotografica, oggi detta anche fotocamera digitale, richiede da parte dell’utente diverse competenze attraverso …

Fotografia
L’importanza di fotografie professionali per eventi aziendali

Ogni lavoro ha la sua professionalità, così come ogni attività di promozione deve essere svolta nel migliore dei modi se si vuole raggiungere l’obiettivo. Per questo motivo quando parliamo di eventi aziendali non si può prescindere dall’affidarsi a fotografi professionisti per la creazione di fotografie di qualità. Purtroppo capita spesso …

panorama iperfocale
Fotografia
Calcolo Iperfocale – consigli utili e app per smartphone

Argomenti dell’articoloChe cos’è l’iperfocale?Formula per il calcolo dell’iperfocaleImpostazione iperfocale per scatto sul campoApp per calcolo dell’iperfocale La profondità di campo è uno degli elementi principale che un fotografo ha a disposizione per realizzare fotografie interessanti, ad esempio per esaltare foto ritratti di soggetti in primo piano si può optare per …